Lecce Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Condanna a nove mesi per minacce a funzionari pubblici a Gallipoli

Stefano Della Rocca condannato per intimidazioni al sindaco e al consigliere comunale nella disputa per l'assegnazione di una casa popolare.

Stefano Della Rocca, un cittadino di Gallipoli di 48 anni, è stato condannato a nove mesi di carcere. La sentenza è stata emessa dal giudice Chiara Panico, che ha modificato l’accusa originale da violenza o minaccia a corpo politico a violenza o minaccia a pubblico ufficiale, su richiesta dell’avvocato difensore Carlo Gervasi. Inizialmente, il pubblico ministero aveva richiesto una condanna di due anni.

L’incidente oggetto del processo è avvenuto il 12 maggio, quando il sindaco di Gallipoli, Stefano Minerva, e il consigliere comunale Giancarlo Padovano hanno ricevuto minacce telefoniche da Della Rocca. L’uomo esigeva l’assegnazione di una casa popolare, minacciando di morte entrambi i funzionari pubblici se le sue richieste non fossero state soddisfatte. Successivamente, Della Rocca e un accompagnatore si erano presentati al municipio, dove sono stati fermati dalla polizia.

Durante una delle udienze, Della Rocca ha presentato scuse spontanee al sindaco e al consigliere.

La difesa ha ora la possibilità di presentare un appello entro 90 giorni dalla pubblicazione delle motivazioni della sentenza. Questo caso evidenzia la tensione che può sorgere tra i cittadini e i funzionari pubblici, e le sfide che devono affrontare le autorità nel gestire situazioni di minaccia e disagio sociale.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati