Lecce Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Crisi abitativa degli studenti universitari: UN sfida nazionale

Situazione critica a Lecce: aumento degli affitti, contratti irregolari e mobilitazione degli studenti in risposta.

L’inizio dell’anno accademico e la riapertura delle aule a settembre hanno visto molti studenti universitari impegnati nella ricerca di una residenza.
Tuttavia, trovare una sistemazione adeguata, è diventato un compito arduo. Molte offerte di alloggio presentano prezzi esorbitanti, contratti irregolari e condizioni abitative non ottimali. Inoltre, malgrado queste sfide, molti studenti provenienti da altre città hanno riscontrato la mancanza di annunci disponibili fin dall’inizio di settembre.

Sabrina Loparco, rappresentante di Udu Lecce, ha delineato le ragioni del crescente malcontento: “Da parte dell’Unione degli Universitari non potevamo rimanere silenti di fronte a tale situazione critica che nega diritti fondamentali agli studenti: l’accesso a un alloggio adeguato e l’istruzione.”

Nonostante le sfide nell’accesso all’alloggio siano simili in tutto il Paese, vi sono differenze a seconda delle regioni e delle città. Udu Lecce sottolinea: “Anche se in questa zona abbiamo notato un incremento degli affitti e un aumento dei costi correlati, il problema principale rimane legato agli affitti non regolamentati. Questa situazione complica la registrazione dei contratti di locazione e la possibilità di ricevere supporto da entità come Adisu Puglia. Molte case presentano gravi problemi come muffa, umidità e altri difetti strutturali.”

L’UDU è determinata a prendere provvedimenti. “Davanti alla mancanza di azione da parte del Governo, non resteremo silenti. Siamo pronti a manifestare anche a Lecce, esprimendo le nostre preoccupazioni e proponendo soluzioni all’aumento dei costi e alla crisi abitativa. L’evento di oggi ne è una testimonianza: supportiamo la manifestazione nazionale attraverso simboli come la tenda, che rappresenta le richieste spesso irragionevoli e discriminatorie negli annunci immobiliari. Inoltre, notiamo che molte offerte sono rivolte esclusivamente a studentesse e, in alcune aree, ci sono annunci con toni razzisti o discriminatori.”

Sabrina Loparco aggiunge: “Questa non è la fine della nostra mobilitazione. Abbiamo programmato un’iniziativa il 26 settembre presso Studium 2000 dalle 16:30, per informare gli studenti sui contratti di affitto e i loro diritti correlati, in collaborazione con Cgil Lecce e Sunia.”

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati