Lecce Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Evoluzione delle prestazioni assistenziali INPS: Analisi e prospettive

Il bilancio sociale INPS svelato a Lecce: un'indagine approfondita sulla salute del welfare, le dinamiche del mercato del lavoro e l'impatto della frammentazione imprenditoriale nel Salento.

Nella mattinata di ieri, l’auditorium del museo “Sigismondo Castromediano” di Lecce ha fatto da cornice alla presentazione del bilancio sociale 2022 dell’INPS, evidenziando un netto incremento nelle prestazioni assistenziali erogate. Questa tendenza riflette la complessità e le sfide crescenti che caratterizzano l’attuale panorama socio-economico, particolarmente a livello provinciale.

Salvatore Labriola, presidente del comitato provinciale INPS di Lecce, ha delineato il profondo processo di trasformazione attraversato dal settore welfare nel corso del 2022, un processo accelerato dalla crisi pandemica. Ciò ha richiesto un’accelerazione nell’adozione di tecnologie e strumenti digitali, attivando così dei cambiamenti già in corso in tutti i settori produttivi. In questo contesto di emergenza, l’INPS si è trovato nella necessità di superare le difficoltà legate a un sistema digitale vetusto e poco efficiente, incapace di rispondere adeguatamente alle massicce richieste di supporto da parte delle famiglie.

Per quanto concerne la dinamica demografica, è emerso come la provincia di Lecce rispecchi le tendenze negative registrate a livello nazionale e regionale, con un incremento dei decessi e un progressivo calo delle nascite. Ne consegue un aumento sostenuto del numero di persone che lasciano la regione, mentre l’andamento dell’immigrazione risulta essere altalenante. Analizzando il mercato del lavoro locale, si registra un positivo incremento del tasso di occupazione, accompagnato da una diminuzione sia del tasso di disoccupazione che di inattività.

Davide Stasi, a capo dell’Osservatorio economico di “Aforisma School of Management”, ha evidenziato le problematiche derivanti dalla frammentazione eccessiva del tessuto imprenditoriale salentino. Pur in un contesto di crescita numerica delle aziende, favorita dall’incremento delle nuove iniziative imprenditoriali e dall’apertura di nuove partite IVA, questa situazione rischia di ostacolare lo sviluppo dell’area.

La conclusione dell’evento è stata affidata ai rappresentanti sindacali Valentina Fragassi (Cgil), Ada Chirizzi (Cisl) e Mauro Fioretti (Uil), coordinati da Enza Pasqua, responsabile dell’Agenzia flussi INPS di Lecce. L’intervento finale di Vincenzo Tedesco, direttore regionale INPS Puglia, ha ribadito il ruolo fondamentale svolto dall’INPS nel sostenere e salvaguardare il tessuto sociale italiano.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati