Lecce Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Frode nei superbonus edilizi: Scoperta operazione da 12 milioni di euro

Sotto inchiesta una società di Racale: 33 indagati e beni congelati su ordine della Procura di Vallo della Lucania.

questura

Sospetto di ingenti frodi nella gestione dei superbonus edilizi Si stima che siano coinvolti ben 12 milioni di euro per interventi edilizi che, secondo le fonti, non sarebbero mai stati realizzati. L’inchiesta condotta dalla Procura di Vallo della Lucania pone al centro delle indagini un’azienda con principali attività a Racale. Gli interessati in questa indagine sono 33, tutte in località del Salento, tra cui Taviano, Racale e Lecce.

Dai dettagli emerge che la società di Racale, nel 2021, ha ampliato la sua attività nel settore edile. Questa stessa società avrebbe poi acquisito crediti significativi da presunti progetti di ristrutturazione commissionati da una vasta gamma di clienti, non limitati soltanto alla regione salentina. In un breve lasso di tempo, sono stati dichiarati lavori del valore di 742 mila euro, senza tuttavia avere tracce di fatture d’acquisto di materiali o di manodopera. Nell’intero 2021, il valore totale dei lavori dichiarati ammonta a 11,28 milioni di euro, portando la somma totale dei crediti a 12,022 milioni di euro.

Emergono dubbi anche dai pagamenti effettuati ai presunti clienti da parte della società di Racale, apparentemente come “donazioni” che corrisponderebbero ai costi dei bonus edilizi. Gli ispettori hanno inoltre esteso le loro verifiche alle proprietà dove si presume fossero stati effettuati questi lavori. Secondo le relazioni dell’ispezione, non vi sono tracce di lavori di ristrutturazione, e alcuni documenti presentano discrepanze temporali riguardo l’acquisizione del credito.

Di conseguenza, sono stati sequestrati beni per un valore di 12,479 milioni di euro appartenenti alla società di Racale e ad altre parti coinvolte. La Procura di Vallo della Lucania ha ordinato il congelamento di una serie di beni, tra cui immobili e titoli di credito. Gli indagati sono rappresentati legalmente, tra gli altri, dagli avvocati Speranza Faenza e Biagio Palamà.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

A comunicarlo è stato il primo cittadino di Lecce Carlo Salvemini...
Si tratta di un 27enne del luogo che ha raccontato di essere stato vittima di...
morto
L'incidente nel pomeriggio di sabato, forse per un malore. Il 68enne Oronzo Mellone non...