Lecce Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Dal 14 ottobre la rassegna artistica di Dimastrogiovanni

Il 14 ottobre alle 18.30, nella Galleria MUST off di via degli Ammirati verrà inaugurata la Rassegna Artistica di Vittorio Dimastrogiovanni. L'evento, curato da Lucio Galante e Carmelo Cipriani, vedrà la partecipazione di Carlo Maria Salvemini, sindaco di Lecce, dell’assessore alla cultura Fabiana Cicirillo e degli stessi curatori

vittorio dimastrogiovanni

Il 14 ottobre, alle 18.30, nella Galleria MUST off (in via degli Ammirati) verrà inaugurata la Rassegna Artistica di Vittorio Dimastrogiovanni. L’evento, curato da Lucio Galante e Carmelo Cipriani, avrà il suo momento inaugurale con la partecipazione di Carlo Maria Salvemini, sindaco di Lecce, dell’assessore alla cultura Fabiana Cicirillo e degli stessi curatori.

In seguito, i visitatori saranno guidati verso la Fondazione Palmieri (precedentemente conosciuta come chiesa di San Sebastiano, in Vico dei Sotterranei).

La rassegna comprenderà 45 creazioni artistiche; le opere realizzate tra il 1959 e il 1982 saranno visibili presso la Fondazione Palmieri, mentre le creazioni del periodo 1983-2019 troveranno spazio presso la Galleria MUST.

Il Catalogo dell’evento è stato prodotto dalle Edizioni Esperidi, riconoscibile per la sua copertina elegante e discreta. Gli elementi iconografici più distintivi dell’artista di Lecce erano la piccola lumaca e il pesciolino. Queste figure, apparentemente semplici, riflettono profondamente la filosofia artistica di Dimastrogiovanni. La sua arte rappresenta una fusione armoniosa tra la propria ispirazione e la natura, sottolineando la necessità di apprezzare l’ambiente circostante.

Utilizzando materiali come legni pregiati – arancio, noce, acero, nespolo, limone, cipresso, tiglio e il solenne mogano – combinati con colori acrilici e materiali riciclati, l’artista ha creato opere uniche su carta e tela. Le sue creazioni, sia pittoriche che scultoree, mostrano un’evoluzione dall’arte figurativa degli inizi all’astrattismo degli anni ’70. Ha integrato forme animali e vegetali, creando una narrazione che esplora il panteismo naturalistico.

Dimastrogiovanni, pur essendo un punto fermo nell’evoluzione artistica della regione, era conosciuto anche per il suo carattere umile e inquisitivo. Come educatore, ha ispirato molte giovani menti a esplorare il mondo dell’arte, mostrando sempre una passione giovanile per l’apprendimento e la condivisione. Tra le sue opere, spesso si può notare una discreta lumaca che sembra farsi strada tra i vivaci colori e le strutture di un’opera imponente. Quando ci si imbatte in una tale composizione, cromatica e al contempo delicata, è quasi come se Dimastrogiovanni ci comunicasse direttamente la sua percezione dell’Universo e della Natura, incantando e catturando l’osservatore.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati