Lecce Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Halloween: Una celebrazione globale fra tradizione e innovazione

Esplorando le Origini, le Manifestazioni e le Simbologie di Questa Festività, e Riflettendo sui Proverbi Popolari Salentini

Orma in ogni punto del pianeta, si celebra la notte di Halloween (“vigilia di tutti i santi” nella sua lingua d’origine).

Questa tradizione trova le sue radici nelle antiche celebrazioni celtiche. Sebbene sia particolarmente popolare negli Stati Uniti, dove assume connotati sia macabri che commerciali, Halloween ha conquistato anche molti altri paesi, manifestandosi in una varietà di forme, che vanno da parate in maschera a giochi per bambini, i quali visitano le case recitando la famosa frase “dolcetto o scherzetto”.

Un elemento distintivo di questa festività è la sua simbologia, strettamente legata al mondo dell’aldilà e dell’esoterico, simboleggiata in modo emblematico dalla zucca intagliata. Quest’ultima è originaria dalla leggenda irlandese di Jack-o’-Lantern e si è affermata come uno dei simboli più riconoscibili della festa. Oggi, Halloween è diventata un’occasione per organizzare feste sia private che pubbliche in tutto il mondo.

Passando a un detto tipico del Salento: “QUANDU LU CIUCCIU NU BOLE CU BIE MACARI CA FISCHI“, che tradotto in italiano suona come “quando l’asino non vuole bere, è inutile che fischi“. Questo proverbio riflette una situazione ben precisa: un carrettiere, nel tentativo di far bere il suo asino vicino a una fontana o a una “te nnu pelune” (una vasca di pietra accanto a un pozzo), fischia per incoraggiarlo. Il suono del fischio ha un effetto calmante sull’animale, spingendolo a bere serenamente e abbondantemente. Tuttavia, quando l’asino decide di non bere, nessun incentivo può convincerlo a cambiare idea, riflettendo la sua notoria testardaggine. Di conseguenza, il carrettiere si sforza invano.

Il detto salentino, pertanto, serve come monito a coloro che si trovano a interagire con persone ostinate, suggerendo loro di non sprecare energie inutili. Analogamente all’asino del proverbio, anche le persone possono mostrarsi irremovibili nelle loro decisioni, rendendo vano ogni tentativo di persuasione.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

A comunicarlo è stato il primo cittadino di Lecce Carlo Salvemini...
Si tratta di un 27enne del luogo che ha raccontato di essere stato vittima di...
morto
L'incidente nel pomeriggio di sabato, forse per un malore. Il 68enne Oronzo Mellone non...