Lecce Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Indagini in corso sulle cause dell’incendio al “Acqua Azzurra Beach & Club”

Intervento tempestivo dei vigili del fuoco previene ulteriori danni in seguito al rogo dello stabilimento balneare

Nelle prime ore di ieri sera, intorno alle 20.30, un grave incendio ha colpito lo stabilimento balneare “Acqua Azzurra Beach & Club”, situato a Torre Squillace, nella zona di Marina di Nardò. La struttura, prevalentemente realizzata in legno, è stata rapidamente avvolta dalle fiamme, richiamando l’attenzione dei vigili del fuoco.

La squadra di soccorso di Veglie è stata immediatamente allertata per affrontare la situazione. All’arrivo sul luogo dell’incidente, i pompieri, conosciuti anche come caschi rossi, hanno iniziato senza indugio le operazioni per combattere il fuoco. La loro azione è stata supportata da due ulteriori squadre, dotate di autobotte, provenienti dal Comando Provinciale di Lecce e dal distaccamento di Gallipoli.

Grazie all’efficace coordinamento e all’impegno costante dei soccorritori, l’incendio è stato portato sotto controllo e definitivamente spento intorno alle 2.00 del mattino. Questo intervento ha prevenuto danni ulteriori all’area circostante e alle strutture limitrofe.

Al momento, sono in corso approfondite indagini per determinare le cause esatte dell’incendio. Gli esperti sono al lavoro per stabilire l’origine e le circostanze che hanno portato al rogo di questa struttura balneare, un punto di riferimento per la comunità locale. Le autorità competenti si stanno adoperando per fornire risposte concrete e per assicurare che tali eventi non si ripetano in futuro.

 

 

 

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

lavoro
Gli effetti del calo demografico sulla popolazione in età lavorativa: lo studio della Cgia di...
carabinieri notte
Intensificati i controlli dei carabinieri: trovati stupefacenti e pistole a salve tra i giovani...
Dopo gli attacchi agli uffici postali, il comando provinciale rafforza la sicurezza con perquisizioni capillari...

Altre notizie