Lecce Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

La Band di Babbo Natale dona 25mila euro per il polo pediatrico

Ondata di solidarietà da tutto il Salento

Un’ondata di solidarietà e di amore grazie all’iniziativa portata avanti da “La Band di Babbo Natale”, formata da un nutrito gruppo di uomini e donne che con i loro balli e la loro musica ha deciso – ancora una volta – di abbracciare la causa di Tria Corda, l’associazione che da dodici anni si batte per la realizzazione del Polo pediatrico del Salento. Grazie alla “Sfilata della solidarietà” – che lo scorso anno ha fatto tappa in 15 centri della provincia di Lecce – l’allegro e colorato gruppo folkloristico è riuscito a raccogliere ben 25mila euro. Una cifra ragguardevole, ottenuta grazie alle donazioni volontarie dei cittadini e ai proventi raccolti dalla vendita di settemila biglietti legati all’estrazione della lotteria Italia.

Nel corso di tutto il 2023 il corteo de “La Band di Babbo Natale” si è dato appuntamento a Galatone, Squinzano, Galatina, Lecce, Presicce-Acquarica, Gallipoli, Carmiano, Melendugno, Taviano, Taurisano, Collepasso, Racale, Casarano, Vernole e Gemini, una frazione di Ugento. Un’occasione per lanciare messaggi di speranza e di amore e per confermare – ammesso che ce ne fosse bisogno – quanto sia forte e avvertita dal territorio l’esigenza della realizzazione del Polo pediatrico. Un’incredibile spinta emotiva e passionale che proviene dal basso e che viene accolta con entusiasmo dal grande cuore dei salentini che continua a battere forte per i nostri bambini. L’intero ricavato è stato devoluto all’associazione Tria Corda durante una significativa cerimonia pubblica che si è svolta a Racale.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il giudice respinge l'accusa di corruzione elettorale contro Pasquale Bleve, evidenziando la mancanza di prove...
case popolari
Gabriele Torricelli, ex dipendente della Banca Popolare di Bari, accusato di truffa aggravata...
Due anni di pena per ciascuno in un caso di prostituzione mascherato da casa vacanze...

Altre notizie