Lecce Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Interventi a Lecce: Caos e critiche alla gestione Salvemini

Lecce in preallarme: Gli errori amministrativi aggravano la mobilità urbana

La città di Lecce è scossa da un’accesa controversia riguardante gli interventi amministrativi del sindaco Carlo Salvemini e le loro ripercussioni sulla mobilità urbana. Secondo Gianpaolo Scorrano, architetto e presidente della Commissione controllo, l’amministrazione ha dimostrato superficialità e mancanza di programmazione nelle sue iniziative, in particolare nel progetto di riqualificazione ambientale della circonvallazione, viale Marche. Scorrano evidenzia come le proteste dei residenti e commercianti, insieme a un esposto alla Procura della Repubblica, abbiano spinto l’amministrazione a rivedere i propri errori dopo più di un mese.

Scorrano afferma che nonostante le dichiarazioni ufficiali del sindaco su un presunto dialogo con la comunità locale, in realtà, non c’è stato alcun vero confronto. Denuncia il protrarsi di disagi e maggiori costi per i cittadini a causa di errori progettuali gravi, come carreggiate troppo strette, spartitraffico pericolosi e marciapiedi inadeguati. Questi difetti sono visti come esempi di improvvisazione nell’ambito della mobilità e del traffico urbano.

In aggiunta, Scorrano critica l’aumento degli stipendi dell’amministrazione in tempi di pandemia, sottolineando l’insensibilità dimostrata nei confronti delle difficoltà economiche dei cittadini. Rivela come il mandato di Salvemini sia ormai in fase di conclusione, ma esprime preoccupazione per l’andamento degli interventi urbani ancora in corso, come quelli in Via Merine, e la mancanza di chiarezza sui tempi di realizzazione dei progetti.

 

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il giudice respinge l'accusa di corruzione elettorale contro Pasquale Bleve, evidenziando la mancanza di prove...
case popolari
Gabriele Torricelli, ex dipendente della Banca Popolare di Bari, accusato di truffa aggravata...
Due anni di pena per ciascuno in un caso di prostituzione mascherato da casa vacanze...

Altre notizie