Lecce Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

In 4 mesi nel Leccese perse quasi 500 imprese: i dati

Il rapporto dell’Osservatorio Economico Aforisma del data-analyst Davide Stasi: male commercio e agricoltura

imprese

Negli ultimi quattro mesi in provincia di Lecce sono scomparse quasi 500 imprese. Il saldo tra nuove iscrizioni e cessazioni alla Camera di commercio di Lecce conta infatti un -487 nell’ultimo quadrimestre, con le attività che a fine febbraio sono scese a 65.525.

Il data-analyst Davide Stasi ha elaborato per l’Osservatorio Economico Aforisma gli ultimi dati sulla nati-mortalità delle imprese del Leccese, escluse quelle inattive e di quelle sottoposte a procedure concorsuali.

Il settore che ha perso più imprese è il commercio: il saldo negativo è di 196 (ora sono 20.582). Il risultato spiegato con l’aumento del ricorso all’e-commerce, soprattutto durante le festività natalizie. Ma anche l’agricoltura, che anche a causa della xylella ha perso 91 attività.

Il calo delle costruzioni è di 62 attività (sono 9.929 nell’ultimo rilevamento). In questo caso si tratta del depotenziamento del Superbonus.

Le manifatture perdono 61 attività (sono 5.042) a causa soprattutto dell’aumento dei costi di produzione legate all’energia.

Anche il settore turistico risulta in calo: perse 57 attività alberghiere e di ristorazione. Più contenuti i cali degli altri servizi (-34) e di trasporto (-22).

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Altre notizie