Lecce Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Scandalo a Lequile, immobili trasformati in luoghi di vizio

Rosario Borghese condannato: droga, prostituzione e un intero sistema illecito sotto l'occhio vigile delle autorità.

In un tranquillo quartiere di Lequile, un immobile apparentemente innocuo è diventato il centro di un grosso scandalo. Dietro le sue porte chiuse, si nascondeva un mondo di vizi e trasgressioni.

Rosario Borghese, 48 anni, originario di Napoli ma residente a Lequile, non si è limitato a offrire solo un tetto sopra la testa. Il suo immobile era divenuto un ritrovo per attività illecite, dove i visitatori potevano usufruire di droghe come la cocaina e interagire con donne provenienti dall’America del Sud.

Durante una perquisizione il 31 marzo 2023, le forze dell’ordine hanno fatto delle scoperte sconcertanti. All’interno dell’appartamento, nascosti in uno zaino, sono stati trovati 90 grammi di cocaina. Ma non si tratta solo di droga. La presenza di accessori intimi, medicinali e altri oggetti ha rivelato un’attività sistematica di prostituzione.

Borghese, evidentemente, aveva creato un vero e proprio listino prezzi per l’uso delle stanze, con tariffe diverse a seconda delle dimensioni. Questa operazione illecita non si limitava al suo appartamento di Lequile. Un altro immobile in un complesso residenziale era coinvolto nello stesso tipo di attività.

Con le prove schiaccianti e le testimonianze fornite, la condanna per Borghese era inevitabile. Ha ricevuto una pena di 3 anni e 4 mesi per possesso e distribuzione di droghe e per il suo ruolo nell’attività di prostituzione.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati