Lecce Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Memorie oscure: L’angelo della morte di Auschwitz

Svelando la vita e i crimini di Josef Mengele attraverso un'approfondita narrazione e documenti inediti.

E’ stata lanciata l’opera “Il diavolo di Birkenau”, firmata da Donato Maglio e Gabriel Alemanni, con l’etichetta editoriale de “Il Raggio Verde“. Nel contesto della presentazione presso Palazzo Adorno, Antonio Leo, vicepresidente della Provincia di Lecce, e Luigi Melissano, primo cittadino di Cutrofiano, hanno preso parte. Inoltre, il 18 ottobre, Maglio e Alemanni saranno protagonisti di un incontro a Copertino, nella prestigiosa Casa della Memoria. Questi eventi puntano a coinvolgere in particolar modo le giovani generazioni, sottolineando l’importanza della conoscenza storica come baluardo contro la ripetizione degli orrori passati.

L’opera si focalizza sulla vita e le malefatte del dottor Josef Mengele, noto come “Angelo della Morte”. Nel 1943, questo individuo ha lasciato un’impronta indelebile nella storia, entrando a far parte del campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau e consolidandosi come uno degli esponenti più nefasti del Terzo Reich. La trama del libro segue le tracce di Mengele, dall’oscuro periodo trascorso ad Auschwitz fino alla sua fuga in Sudamerica, dove riuscì a sfuggire alla giustizia per le atrocità commesse.

L’opera si arricchisce grazie a una sezione dedicata a documenti autentici, reperiti negli archivi di Auschwitz-Birkenau e di Arolsen. A completare questo prezioso lavoro, vi è la prefazione scritta dal Rabbino Capo di Roma, Riccardo Di Segni, insieme alla testimonianza di Attilio Lattes e alle riflessioni conclusive di Mario De Simone. La copertina, curata da Manuel Panico, dona ulteriore valore all’opera.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati