Lecce Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Vendita di microchip per animali online, un allarme per possibili irregolarità

L'associazione Agriambiente suona l'allarme: la vendita non regolamentata potrebbe portare a gravi violazioni.

L’esperto Antonio Russo, rappresentante dell’associazione Agriambiente, specializzata nella protezione degli animali a Lecce, ha inviato una comunicazione ufficiale al Ministero della Salute riguardo alla vendita online di microchip per animali. La preoccupazione principale è che individui possano acquistare e utilizzare questi dispositivi da soli, tentando così di eludere le regolamentazioni.

La vendita di microchip per animali su piattaforme online solleva dubbi sulla loro legittimità. Infatti, Antonio Russo, dopo aver identificato questa pratica, ha prontamente contattato la Direzione Generale della Sanità Animale e dei Farmaci Veterinari del Ministero della Salute in cerca di delucidazioni.

Il Ministero ha risposto rapidamente, ribadendo che la produzione, distribuzione e vendita dei microchip devono essere svolte esclusivamente da aziende autorizzate e registrate presso il Ministero stesso. Inoltre, ogni microchip deve rispettare una numerazione specifica in linea con le regole vigenti. La situazione osservata da Russo rappresenta chiaramente una deviazione da queste regole.

Per quanto concerne la normativa, la vendita di microchip dovrebbe essere riservata esclusivamente a professionisti del settore veterinario, che possono poi impiantare i dispositivi in animali come cani e gatti. Ma qual è il reale pericolo? La principale inquietudine di Russo è che individui non autorizzati potrebbero acquisire e impiantare i microchip in modo improprio, cercando di apparire conformi durante eventuali controlli ufficiali. Se un individuo procedesse in questa direzione, sarebbe potenzialmente passibile di denuncia per esercizio abusivo della professione medica e altre possibili violazioni legali. Antonio Russo, pertanto, ha annunciato che presenterà la questione alle autorità competenti, sperando in un’indagine approfondita sulla questione.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Nuova tappa del “Bioumanesimo di Puglia” con un ospite eccezionale: Helen Mirren. Il progetto editoriale...

comune lecce

Venerdì 1° marzo dalle 16 si terrà alle Officine Cantelmo l’iniziativa Abitare Accessibile, organizzata dal...

Avrà luogo il primo marzo 2024 presso il chiostro dei Carmelitani a Nardò, alle 18:30,...