Lecce Tomorrow
Accedi

Sospetti di corruzione alla dogana di Brindisi: L’Indagine si intensifica

Operazioni di perquisizione coinvolgono sottufficiali della Guardia di Finanza: l'inchiesta, coordinata dalla Procura, punta a fare luce su possibili irregolarità e scambi illeciti

Le indagini sulla presunta corruzione nella Dogana di Brindisi stanno avanzando con recenti perquisizioni che hanno coinvolto alcuni membri della Guardia di Finanza operanti nel porto. Attualmente, 7-8 impiegati sono sotto esame.

L’inchiesta è guidata dai pm della procura di Brindisi, Luca Miceli e Giuseppe De Nozza, ed è focalizzata sul reato di corruzione. È cruciale precisare che, per ora, si tratta solo di sospetti e non di accuse confermate. Il sequestro effettuato è uno strumento per raccogliere prove, e non un giudizio anticipato.

Le perquisizioni si sono estese anche a Lecce, cercando piccole somme di denaro scambiate per “chiudere un occhio” durante i controlli su veicoli provenienti dall’Est, potenzialmente coinvolti in attività illecite. L’obiettivo è evitare controlli e permettere il passaggio indisturbato di merci illecite.

Le indagini sono partite da un controllo in casa di un doganiere, durante il quale è stato trovato materiale che suggerisce possibili atti corruttivi, dando slancio alle indagini.

La corruzione è un reato grave in Italia, e una condanna potrebbe portare a pene severe senza possibilità di sospensione o benefici carcerari.

Recentemente, l’intensificazione dei controlli nel porto ha portato al sequestro di grandi quantità di merce contraffatta proveniente dalla Grecia, dimostrando l’efficacia dei controlli anti-corruzione.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Un audace tentativo di furto è stato sventato a Veglie, dove i ladri hanno abbandonato...
polizia
Il 23enne di porto Cesareo ha anche colpito uno dei poliziotti, nella sua abitazione oltre...
Il progetto ha come obiettivo la riqualificazione e il recupero dello spazio pubblico tra via...