Lecce Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Polemiche a Nardò: Il sindaco Mellone propone pene dure per femminicidi

Richieste di pena di morte e riapertura dei manicomi suscitano ampio dibattito dopo l'omicidio di Giulia Cecchettin

Il sindaco di Nardò, Pippi Mellone, ha recentemente sollevato un dibattito pubblico con le sue dichiarazioni provocatorie sull’omicidio di Giulia Cecchettin. L’arresto, in Germania, dell’ex compagno della vittima, di Filippo Turetta,  ha scatenato una forte reazione da Mellone, che è sindaco dal 2016 dopo il nuovo mandato del 2021.

Nelle sue comunicazioni attraverso i social media e altri canali, Mellone ha espresso opinioni radicali riguardo alle pene per crimini gravi come i femminicidi. Ha dichiarato apertamente il suo sostegno alla pena di morte per gli autori di tali crimini, enfatizzando la necessità di misure severe “ora e per sempre”. Inoltre, ha proposto la riapertura di strutture psichiatriche, riferendosi a esse con il termine obsoleto di “manicomi“. Queste dichiarazioni hanno generato intense discussioni in tutto il Paese, riflettendo la costernazione e il dibattito nazionale sull’argomento.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

burocrazia
La Cgia di Mestre conta i tempi di attesa degli italiani negli sportelli pubblici in...
Si tratta di un 27enne del luogo che ha raccontato di essere stato vittima di...
morto
L'incidente nel pomeriggio di sabato, forse per un malore. Il 68enne Oronzo Mellone non...