Lecce Tomorrow
Accedi

Salvaguardia del mare salentino: Verso la creazione di un nuovo santuario marino

Un'iniziativa eccezionale unisce undici comuni del Salento per istituire l'Area Marina Protetta di Capo d'Otranto, un gioiello naturale in Puglia.

Nel Salento, sta prendendo forma un movimento ambientale con l’obiettivo di proteggere e valorizzare il patrimonio marino della regione. La proposta è di creare un’Area Marina Protetta nell’area di Capo d’Otranto. La zona che comprende le spettacolari Grotte Zinzulusa e Romanelli e si estende fino a Capo di Leuca. Questa area, se realizzata, sarà la quarta riserva marina in Puglia e una delle più grandi in Europa.

Il 27 novembre, in concomitanza con la Giornata mondiale della pesca, undici comuni della regione, hanno pianificato riunioni simultanee dei rispettivi consigli comunali per discutere e votare sulla proposta. Diso e Otranto seguiranno il 28 novembre. Queste deliberazioni sono cruciali per avviare i processi tecnici e amministrativi necessari per la creazione dell’area protetta.

La regione del Capo d’Otranto è unica dal punto di vista geomorfologico, con oltre 32 grotte sommerse e 43 tra emerse e semi sommerse, oltre a una falesia che si immerge rapidamente nelle acque profonde, creando un habitat ideale per numerose specie marine, tra cui quelle sensibili ai cambiamenti climatici. Quest’area è considerata una delle più naturali lungo la costa italiana, ospitando una ricca biodiversità marina, tra cui praterie di Posidonia e zone di Coralligeno, fondamentali per la riproduzione e la crescita di molte specie ittiche.

 

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Un Sindaco che va oltre il dovere, fornendo sostegno concreto alle famiglie del Salento...

“La Provincia è a disposizione dei Comuni su un tema importante e necessario per provare...

Qualche giorno fa presso l’Assessorato ai Trasporti, si è tenuto un incontro con una delegazione...