Lecce Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Il Consiglio comunale ha approvato il piano per l’Accessibilità: basta barriere architettoniche

Il Consiglio comunale ha approvato il Piano per l’Accessibilità, lo strumento di programmazione degli interventi su spazi ed edifici pubblici necessari per rimuovere ogni ostacolo alla partecipazione della vita collettiva per ogni persona, senza distinzioni. Il Piano per l’Accessibilità rappresenta l’evoluzione culturale e scientifica del PEBA, il Piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche, ed ogni amministrazione pubblica è tenuta ad approvarlo.

Il processo di redazione del Piano si è svolto sotto la supervisione del dirigente del settore Lavori Pubblici Giovanni Puce e della Rup Sonia Cappello e ha coinvolto, oltre agli uffici comunali, agli assessorati ai Lavori Pubblici, Welfare, Urbanistica e Mobilità enti universitari come il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Firenze, il Dipartimento di Storia, Società e Studi sull’Uomo e il Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione dell’Università del Salento. Attraverso accordi di ricerca e una convenzione, sono stati finanziati quattro assegni di ricerca che hanno consentito la istituzione del Laboratorio comunale per l’Accessibilità e l’impiego per tutta la durata della redazione del Piano, di quattro professionisti che hanno affiancato gli uffici, gli architetti Monica BercigliFrancesca Raimondi e Dora Uricchio e il sociologo Giuseppe Gaballo. Coordinatore per la redazione del Piano, il professor Antonio Lauria ordinario di Tecnologia dell’Architettura dell’Università di Firenze.

Il piano è strutturato in quattro sezioni: nella prima sono descritti metodi e criteri utilizzati dal Laboratorio Comunale per l’Accessibilità per giungere alla conoscenza del territorio e del quadro delle esigenze riscontrato, oltre alle tecnologie utilizzate per il rilievo e la gestione dei dati; nella seconda sono elencate le fasi del Piano e le corrispondenti attività svolte dal laboratorio; nella terza sono riportati gli schemi di valutazione che i tecnici hanno usato per rilevare l’attitudine degli edifici, delle strade, piazze all’adeguamento a migliori standard di accessibilità; nella quarta sono riportati esempi di casi pratici riguardanti edifici comunali (Palazzo Carafa), piazze (Piazza Gaetano Quarta), tratti stradali (via Salvatore Trinchese), spazi urbani (incroci stradali) sui quali si è già intervenuti. Ulteriori schede tecniche relative ad ogni elemento urbanistico che costituisce l’area pilota (museo, mercati, piazze, vicoli, scuole) verranno presentate all’approvazione della Giunta Comunale dopo l’approvazione del Piano per l’Accessibilità da parte del Consiglio Comunale.

Il lavoro per la redazione del Piano è partito dall’analisi dello scenario urbano e in particolare dell’Area Pilota individuata dal Consiglio comunale, corrispondente al centro storico e al centro moderno, un’area nella quale sorgono le principali funzioni pubbliche e commerciali della città. Qui i tecnici del Laboratorio comunale per l’Accessibilità hanno effettuato il rilievo delle barriere e messo a punto schemi di intervento per il ripristino dell’accessibilità e la rimozione dei detrattori nell’ambito degli interventi di riqualificazione che si succederanno nel tempo. Il primo riguarderà la riqualificazione di via Trinchese, la cui cantierizzazione è prevista nei primi mesi del 2024.

Grazie all’analisi dei dati raccolti nell’Area pilota, dove sono stati mappati e geolocalizzati più di 4mila punti di interesse tra attrezzature urbane, infrastrutture di mobilità ed “elementi ostacolo”, il Laboratorio ha riscontrato le diverse ricorrenze di barriere architettoniche e problematiche legate all’accessibilità, ed elaborato un modello di rilievo e di intervento che sarà applicato a tutto il contesto urbano, nei diversi Lotti Urbani Funzionali nei quali il Piano ha suddiviso la città. In particolare, sono state definite le schede rilievo, che dettano le modalità di rilievo delle barriere architettoniche presenti in un edificio o uno spazio pubblico, e le schede di intervento che forniscono ai progettisti e ai tecnici le adeguate soluzioni per la rimozione di ogni tipo di barriera e la creazione di un ambiente urbano realmente inclusivo.

Nella costruzione del Piano è stato fondamentale l’apporto delle associazioni e dei cittadini. Attraverso un percorso di partecipazione curato dal Laboratorio, la fase della ricognizione degli spazi e degli edifici pubblici nell’Area pilota, è stata eseguita con il coinvolgimento dei cittadini e delle associazioni che in città si occupano dei temi legati alla disabilità e che hanno anche trovato nel Laboratorio un luogo fisico a loro disposizione per l’organizzazione di attività.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

incendio
Le opere obbligatorie per proprietari e conduttori di terreni e i divieti di accendere fuochi:...
bandiere blu
L'elenco delle mete più belle che hanno ottenuto la celebre certificazione ambientale...
Coldiretti Puglia, UNAPROL e CAI lanciano un polo specialistico per la ricostruzione degli uliveti colpiti...

Altre notizie