Lecce Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Condanna a sette anni per estorsione per un uomo di Gallipoli

Il tribunale di Lecce emette una condanna di sette anni e una multa di settemila euro per l'uomo accusato di estorsione nei confronti del suo avvocato, con episodi che vanno oltre le semplici aggressioni verbali.

Il tribunale di Lecce ha emesso una sentenza di sette anni di reclusione e una multa di settemila euro per Marco Della Rocca, 44 anni di Gallipoli, accusato di aver tentato di estorcere 50mila euro al suo avvocato. La decisione è stata presa dalla seconda sezione penale del tribunale, con la giudice Cinzia Vergine a capo del collegio.

La sentenza include anche l’interdizione dai pubblici uffici per cinque anni e l’obbligo di risarcimento alla persona offesa, l’avvocato Giovanni Bellisario, per l’importo simbolico di un euro, richiesto dalla stessa parte civile.

Gli avvocati difensori, Giuseppe Presicce e Umberto Leo, che hanno difeso Della Rocca durante il processo, valuteranno un possibile ricorso in appello una volta che saranno depositate le motivazioni della sentenza, entro novanta giorni.

Le accuse contro Della Rocca hanno avuto origine da un presunto mancato rispetto della promessa di ottenere un risarcimento di almeno 50mila euro dalla compagnia assicuratrice di controparte, in seguito a un incidente stradale coinvolgente una donna legata a lui. Quando Della Rocca apprese che il risarcimento sarebbe stato solo di 15mila euro, si sentì ingannato e si rivolse a un altro avvocato per tutelare i suoi interessi risarcitori.

Gli avvocati difensori sostengono che le azioni di Della Rocca siano state una reazione sfogata, verbosamente accesa e persino violenta, ma che alla fine si risolse con la decisione di cambiare avvocato. Tuttavia, tra gli episodi più gravi contestati all’imputato vi erano minacce con una pistola, puntata al collo e alle parti basse del professionista, di sparare a lui e ai suoi famigliari se non avesse ottenuto il denaro desiderato, culminando con la violenta azione di sbattere l’arma sul tavolo di cristallo dello studio legale, causandone la rottura. Lo riporta LeccePrima.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

annega
La vittima è un ragazzino di origini ivoriane ospite di una comunità di Miggiano. Si...

Un incendio di vaste proporzioni è divampato oggi intorno alle 11:40 in un’abitazione di Casarano,...

auto prende fuoco
Taviano, la Fiat 500 era parcheggiata lungo la via ed è andata a urtare il...

Altre notizie