Lecce Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Sentenza finale nel segmento del caso “Coltura”: Condanna per un collaboratore di giustizia

Il processo parte dell'indagine su attività mafiose a Parabita si chiude con la decisione giudiziaria

La fase conclusiva del processo collegato all’indagine antimafia denominata “Coltura”, che in passato portò allo scioglimento amministrativo del Comune di Parabita, ha visto la condanna di un importante testimone collaboratore. Il giudice per le udienze preliminari Angelo Zizzari, utilizzando la formula del rito abbreviato, che prevede una riduzione di pena di un terzo, ha imposto a Massimo Donadei, quarantacinquenne di Parabita, una pena detentiva di due anni e otto mesi. Questa sentenza fa seguito all’accusa di partecipazione in attività mafiose, con la mitigazione data dalla sua cooperazione con la giustizia. Il procuratore aggiunto Guglielmo Cataldi, membro della Direzione Distrettuale Antimafia, aveva originariamente richiesto una condanna a tre anni.

Secondo l’accusa, Donadei avrebbe avuto ruoli di leadership all’interno dell’organizzazione mafiosa operante a Parabita e nelle aree circostanti.

Risale a marzo 2021 la conclusione del processo di secondo grado riguardante l’operazione “Coltura”, che indagava sulle connessioni tra mafia e politica a Parabita, oltre a un vasto traffico di sostanze stupefacenti. L’indagine, condotta dai carabinieri del Ros, ha permesso di delineare la riorganizzazione interna del clan mafioso Giannelli, sotto la guida di Marco Antonio, figlio del noto capomafia Luigi Giannelli. Gli imputati nel processo sono stati accusati di reati che includono associazione mafiosa, traffico di droga, estorsione e corruzione.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Nuovi sistemi di sorveglianza per combattere il rischio incendi...
Cittadini a spese alte per la sanità mentre l'assistenza pubblica fatica a rispondere...
Un grave incendio divampa nella periferia di Tricase, danni alla struttura ma nessun ferito ...

Altre notizie