Lecce Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Condanna per violenza domestica: Il caso di Lecce

Un ennesimo episodio di violenza: Condanna di 5 anni e 4 mesi

A Lecce, un uomo di 33 anni, identificato come F.R., è stato condannato a una pena detentiva di cinque anni e quattro mesi per il grave reato di lesioni personali aggravate. La decisione, presieduta dal giudice Fabrizio Malagnino e frutto del lavoro collegiale dei magistrati, è intervenuta dopo una valutazione approfondita delle accuse. Nonostante la richiesta iniziale del pubblico ministero di una condanna a sei anni, il tribunale ha optato per un verdetto più lieve, assolvendo l’imputato dall’accusa di maltrattamenti in famiglia.

Il caso risale al 2 agosto 2023, dopo un violento confronto domestico. La compagna di F.R., aveva espresso il desiderio di interrompere la relazione. La sua dichiarazione ha scatenato una reazione violenta da parte dell’uomo, che ha iniziato a insultarla e a tentare di impedirle di andarsene, arrivando a strapparle il telefono dalle mani. La situazione è degenerata quando F.R. ha aggredito fisicamente la donna, colpendola al viso e facendola perdere i sensi. La vittima è riuscita a riprendersi e a fuggire, riuscendo a contattare le autorità nonostante i tentativi dell’uomo di trattenere la sua compagna con la forza.

Ulteriori episodi di violenza sono emersi durante il processo, inclusi episodi precedenti nei quali la donna era stata vittima di schiaffi, spintoni e altre forme di aggressione fisica. Le prove presentate hanno rivelato anche una lesione più grave, una perforazione del timpano, avvenuta durante l’episodio del 2 agosto, con tempi di guarigione stimati in un mese.

 

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Sentenza esemplare, maltrattamenti in famiglia e lesioni personali...

Altre notizie