Lecce Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Cassazione rivisita le sentenze dell’operazione “Battleship”

Nuova svolta nel caso Caracciolo-Montenegro: Annullate condanne e revisioni processuali

La Suprema Corte di Cassazione ha intrapreso un’azione decisiva nel caso scaturito dall’operazione “Battleship”, che coinvolge l’associazione “Caracciolo-Montenegro”, una costola dissidente del noto clan Tornese, radicato a Monteroni. La Corte, rappresentata dai giudici della sesta sezione, ha esaminato e, in parte, accolto le argomentazioni presentate dai legali difensori, portando all’annullamento di 13 sentenze precedentemente emesse in fase d’appello e ordinando la realizzazione di un nuovo processo.

Questo inatteso cambio di rotta riguarda in modo particolare Alessandro Caracciolo, e la consorte Maria Antonietta Montenegro. Essi, rappresentati rispettivamente dagli avvocati Ladislao Massari e Angelo Vetrugno, erano stati condannati a 20 anni di carcere ciascuno. Un’analoga revisione si è applicata al caso di Altin Shehaj, in precedenza condannato a 18 anni, sei mesi e 20 giorni di reclusione per il suo ruolo chiave nel traffico di marijuana proveniente dall’Albania.

Oltre a questi casi, sono state annullate altre dieci sentenze, offrendo un nuovo percorso legale agli imputati. Tuttavia, la Corte ha ritenuto inammissibili i ricorsi presentati da altri cinque individui, mantenendo invariati i loro verdetti. Questi includono una condanna a 13 anni e 10 mesi per Massimiliano Lorenzo; 7 anni per Loris Pasquale Casarano; 6 anni per Andrea Carlino; 4 anni e 8 mesi per Ivan Mario Greco; e 2 anni e 4 mesi per Carlo Squittino.

Quest’ultima decisione della Corte di Cassazione rappresenta un punto di svolta nel lungo e complesso percorso giudiziario legato a questa vicenda, sottolineando la dinamica e l’evoluzione continua delle procedure legali italiane..

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il giudice respinge l'accusa di corruzione elettorale contro Pasquale Bleve, evidenziando la mancanza di prove...
case popolari
Gabriele Torricelli, ex dipendente della Banca Popolare di Bari, accusato di truffa aggravata...
Un grave incendio divampa nella periferia di Tricase, danni alla struttura ma nessun ferito ...

Altre notizie