Lecce Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

“Prova e onere probatorio nel nuovo processo tributario”: il Nuovo saggio di Flavio Carlino

Flavio Carlino approfondisce le recenti riforme nel processo tributario italiano

Flavio Carlino, avvocato, dottore commercialista, e giornalista pubblicista, ha recentemente pubblicato un saggio fondamentale per il diritto tributario italiano, intitolato “Prova e onere probatorio nel nuovo processo tributario”. Editato da Maggioli, questo lavoro analizza in dettaglio le rilevanti modifiche apportate al processo tributario dalla legge di riforma n. 130 del 31 agosto 2022 e dai successivi decreti attuativi della legge delega n. 111 del 9 agosto 2023.

L’opera di Carlino, fondatore dello Studio legale-tributario Carlino e Presidente dell’Associazione Italiana Avvocati Commercialisti (A.I.A.C.), si distingue per una disamina critica e approfondita delle recenti evoluzioni legislative. L’autore evidenzia la mancanza di una disciplina sistematica della prova nell’ordinamento tributario italiano, una lacuna che, secondo lui, è stata in parte colmata dalle recenti riforme.

Il libro si concentra in particolare sulla prova e la ripartizione dell’onere probatorio, analizzando il ruolo della testimonianza scritta, ora ammessa nel processo tributario. Carlino esamina anche le interpretazioni contrastanti fornite dalla Corte di Cassazione e dalla dottrina riguardo ai cambiamenti nell’onere probatorio tra l’Amministrazione finanziaria e il contribuente.

Un aspetto innovativo del testo è la trattazione delle prove per presunzioni, così come le norme relative alla circolazione della prova tra diversi processi e i nuovi limiti all’introduzione di prove in appello. In particolare, l’autore si sofferma sulle modifiche apportate dal decreto legislativo n. 219/2023, che rivede lo Statuto del contribuente. Questo decreto impone all’Amministrazione Finanziaria di fornire non solo i presupposti di fatto e giuridici ma anche i mezzi di prova su cui si basa la propria decisione.

La parte dedicata all’art. 6-bis dello Statuto del contribuente è di fondamentale importanza: Carlino sottolinea come l’Agenzia delle Entrate debba ora integrare la propria motivazione con le ragioni dell’eventuale mancato accoglimento delle giustificazioni fornite dal contribuente, segnando un passo avanti verso una maggiore trasparenza e equità.

 

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Altre notizie