Lecce Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Scontri dopo Gallipoli-Nardò: arrivano i daspo

Per due tifosi anche l'obbligo di firma

polizia droga

L’indagine sugli scontri dopo il derby tra Gallipoli e Nardò, avvenuto lo scorso 18 febbraio, continua a tenere banco. Dopo l’arresto e le denunce per reati quali rissa aggravata e porto abusivo di armi o oggetti atti ad offendere, le forze dell’ordine dei Commissariati di Pubblica Sicurezza di Gallipoli e Nardò hanno intensificato le loro azioni. Recentemente, sono stati notificati complessivamente 10 provvedimenti di Daspo (Divieto di Accesso alle Manifestazioni Sportive).

Tra i destinatari, 5 tifosi del Gallipoli e 5 del Nardò hanno ricevuto l’ordine di non partecipare ad eventi sportivi, con ulteriore restrizione per gli abitanti di Gallipoli che non potranno tornare nel comune per un periodo compreso tra 18 mesi e 3 anni, a seconda della gravità dei loro atti durante gli scontri.

Per due ultras, uno del Gallipoli e l’altro del Nardò, i provvedimenti di Daspo si sono dimostrati ancor più severi. Oltre alla proibizione di partecipare agli eventi sportivi, essi hanno anche l’obbligo di firma, essendo stati già soggetti a Daspo in precedenza, con uno dei due che aveva ricevuto la sanzione quando era ancora minorenne.

L’impegno investigativo dei Commissariati locali, unito all’azione della Divisione Anticrimine, ha portato alla chiusura delle indagini sui momenti di violenza verificatisi al di fuori dello stadio di Gallipoli. Tuttavia, la tensione e le polemiche conseguenti ai tafferugli rimangono palpabili.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

annega
La vittima è un ragazzino di origini ivoriane ospite di una comunità di Miggiano. Si...

Un incendio di vaste proporzioni è divampato oggi intorno alle 11:40 in un’abitazione di Casarano,...

auto prende fuoco
Taviano, la Fiat 500 era parcheggiata lungo la via ed è andata a urtare il...

Altre notizie