Lecce Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Sequestro al lido “Le Maldive del Salento”: Indagini su presunti danni ambientali

Interventi di movimento terra sotto inchiesta: Sigilli apposti in zona a rischio erosione

Un sopralluogo a lavori di spostamento terra ha portato al sequestro di un’area del lido “Le Maldive del Salento”. I militari della Capitaneria di Porto hanno posto i sigilli in seguito ad un accurato sopralluogo, mirato a investigare sugli interventi di movimentazione terreno legati al trasferimento di un chiosco bar e ai basamenti per la sua nuova collocazione.

La situazione ha destato preoccupazione, perché l’area in questione si trova in una zona a rischio erosione. Gli investigatori, dopo accurati controlli anche presso il Comune, hanno avviato un esame approfondito sui titoli autorizzativi relativi alle operazioni in corso.

Il nodo centrale dell’indagine riguarda la presunta alterazione ambientale in questa porzione di paradiso terrestre. A scatenare le indagini è stata una denuncia presentata dai consiglieri di minoranza del Comune di Salve. Le loro preoccupazioni sono state amplificate dalla presentazione di fotografie che documenterebbero il presunto impatto ambientale.

Le immagini mostrano chiaramente i segni del passaggio di mezzi pesanti e una movimentazione di sabbia e pietre che sembrerebbe essere non naturale. L’attenzione si concentra sul cordone dunale e sullo spazio retrostante, con comparazioni tra fotografie recenti e passate a testimoniare le modifiche subite dall’ambiente.

Di fronte a queste accuse, il proprietario dell’area, assistito dall’avvocato Alessandro De Matteis, ha espresso piena fiducia nella possibilità di dimostrare la legalità delle azioni intraprese.

 

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Altre notizie